Quante storie queste colline!

Rocca delle Donne affacciata sulla pianura.

Camminare fa bene. Se al ritmo lento della marcia si accompagnano luoghi di selvaggia bellezza, panorami lunghi e sorprendenti e i racconti di storie lontane, ma vive più che mai, gli ingredienti ci sono e ne può nascere un piacevole pomeriggio. Sabato 18 maggio si scenderà lungo il grande Fiume partendo da Brusaschetto (Camino, AL), nel mezzo di boschi che erano vigne, tra i segni quasi scomparsi delle vecchie miniere di marna. Poi si risalirà fino al terrazzo naturale di Rocca delle Donne, dove da mille anni un antico monastero conserva gelosamente i suoi segreti. Il tempo di ascoltare qualche pettegolezzo sulle monache del passato, una merenda affacciati sulla distesa delle risaie allagate e poi via di ritorno, per vecchi sentieri ombrosi, nel mezzo di un verde che più verde non si può. Buttatevi allora tra le “Storie di collina”, alla scoperta del nuovo itinerario CAI 770!

Un sabato nel villaggio

Anna Maria Bruno racconta la parrocchiale di San Lorenzo (f.-Max Biglia)

Una prima assoluta per Camino, che mai aveva ospitato il format di scoperta storico-culturale dei borghi monferrini ideato dall’Ente Parco del Po vercellese-alessandrino e dalla guida Anna Maria Bruno: il “Sabato nei villaggi”. Una numerosa e interessata schiera di turisti della cultura ha passeggiato nel fresco pomeriggio del 13 aprile tra i cantoni di Camino. E allora ecco le macine in pietra del Mulino Marello, dalle quali escono farine di qualità, i mille profumi delle fioriture del Giardino condiviso, i banchi della parrocchiale settecentesca di San Lorenzo ad ascoltare la storia del luogo e infine, col naso all’insù, tra quei preziosi affreschi che ricoprono le pareti della chiesa di San Gottardo. E dopo tanta gratificante fatica per gli occhi e le orecchie, il momento di soddisfare anche la pancia: degustazione vini e una fetta di torta sul sagrato della chiesa.

Passeggiata ecologica 2019

Alle solite, anche quest’anno, il 30 marzo – in clima (è il caso di dirlo) di grande parlare di riduzione della plastica e di lotta all’inquinamento – i caminesi si sono messi i guanti da lavoro e ci hanno dato dentro a svuotare fossi e rive da sacchetti, bottiglie, ma anche da roba più “robusta” come copertoni, mobilia, un calcio balilla ecc. Insomma, dopo dieci anni di “Passeggiata ecologica”, un evento di sinergia tra il Picchio, il comune di Camino, l’Ente Parco e il consorzio Cosmo, tocca ancora fare i conti con la profonda stupidità di coloro che deturpano il bello (che è di tutti) con i loro rifiuti. Una buona notizia però c’è: a forza di raccogliere immondizia abbandonata, la sua quantità progressivamente si riduce, di pari passo, si spera, con una nuova, matura coscienza di quanto sia importante rispettare profondamente l’ambiente, che non ci appartiene ma al quale apparteniamo tutti.