Immaginate…

Immaginate un piccolo borgo disteso e assonnato sulla spina dorsale dritta di una collina coperta di boschi, che sembra un po’ perso nel cielo azzurro, e dove la chiesa non ha più il suo campanile. Immaginate un grande specchio d’acqua pieno di anatre e vibrante del gracidìo di migliaia di rane, e immaginate che lì una volta c’era un paesello, con la sua piazza, le sue casette e la sua chiesa di mattoni. Immaginate un grande pozzo che scende nelle viscere della terra per oltre cento metri di profondità e si dirama in un intrico di gallerie sotterranee. Immaginate ancora le acque nitide di un grande fiume, incorniciate da ciottoli bianchissimi, e immaginate di vederle dall’alto, dalle logge di un vecchio monastero medievale. Fate uno sforzo e provate anche a immaginare le monache, nobildonne che trattano con conti, marchesi e vescovi, che innalzano lodi al Signore e insieme, forse, si danno a commerci più mondani. Immaginate tutto questo e aggiungete il verde brillante del bosco primaverile, l’ombra che protegge dal caldo, i canti degli uccelli della selva.

Il 18 maggio proviamo a rendere tutto ciò reale, e ci mettiamo pure una merenda sull’erba. Non sarà un compito difficile, perché il territorio che abbiamo la fortuna di vivere quotidianamente ci offre grandi emozioni e suggestioni. Noi vedremo solo di raccontarlo, almeno per quella parte che già, nella sua bellezza, non si racconta da sola.

E allora scopriremo cosa c’era sotto Brusaschetto, una storia degna dei Nibelunghi, scoprirermo cosa è successo a Brusaschetto Nuovo, un disgraziato paese vissuto poco meno di cinquant’anni, nella cui piazza oggi nuotano le carpe. Esploreremo palmo a palmo le vecchie mura del monastero di Santa Maria della Rocca, che proprio in questo periodo compiono la bella età di mille anni e nella loro apparente, austera immobilità hanno voglia di raccontarci storie di un lontano passato, storie strane, storie a volte inquietanti, a volte divertenti.

Sarà un pomeriggio di svago, di curiosità, con un po’ di sano moto e un buon ristoro, da consumare distesi sull’erba a guardare il mare a quadretti della pianura del riso. Costeggeremo il grande Fiume, subendone il fascino magnetico che già stregò gli Argonauti di Giasone millenni fa. Cammineremo su quelle esili e insieme coriacee vie di campagna che segnano i pendii delle colline con il loro procedere discreto, sinuoso e splendidamente arcaico.

Insomma, cercheremo di farvi parlare direttamente con questa terra che ha sempre tanto da raccontare, come un vecchio sorridente che ha le tasche piene di storie. Perché “Storie della collina” è qualcosa di più di una semplice camminata…