E alla fine è stato “Storie della collina”

Partenza da Brusaschetto

Non è stato semplice riuscire a far partire la nuova camminata del Picchio, “Storie della collina”. Il pazzerello (meteorologicamente parlando) mese di maggio ha respinto per ben due fine settimana l’appuntamento escursionistico-culturale, facendo ammattire un po’ tutti con gli occhi sempre fissi sulle previsioni del tempo. E così si è arrivati al 1 giugno, un sabato caldo ma non troppo, con un sottobosco ancora piacevolmente fresco dalle giornate di pioggia delle settimane precedenti e i sentieri già sufficientemente asciutti per essere praticabili senza difficoltà. Ne è nata una bella giornata, dove una quarantina di persone ci hanno omaggiato della loro presenza e curiosità, scarpinando su e giù per le colline caminesi, seguendo tracce di cinghiali, medioevo, farfalle e archeologia industriale.

Lì davanti c’era Brusaschetto Nuovo, il paese scomparso

Il territorio che circonda il piccolo borgo di Brusaschetto ha un interesse del tutto particolare per la sua storia recente, che lo accomuna ad altre aree del casalese, teatro della grande “corsa alla marna” per la produzione di calce e cemento. Una corsa iniziata nell’Ottocento e interrottasi, brutalmente, negli anni ’50 del Novecento, quando altri sistemi di produzione più economici hanno affossato l’economia delle miniere monferrine. Così, nei folti boschi brusaschettesi, si nascondono accuratamente pochi ma significativi resti di quel periodo storico: e appare strano immaginare quegli stessi luoghi, oggi così selvatici, popolati invece di strutture produttive, di ferrovie industriali, teleferiche, stazioni di carico e di centinaia di operai e addetti. Su tutto poi, la storia di Brusaschetto Nuovo, il paese vissuto solo cinquant’anni esatti e ora scomparso nel vortice polveroso del passato.
Una camminata intervallata dal racconto di queste vicende, su quei medesimi luoghi, oggi attraversati dal sentiero 770 che il CAI di Casale Monferrato, co-organizzatore dell’iniziativa, ha recentemente accatastato e dotato di segnavia.

Il luogo della merenda, al monastero della Rocca delle Donne

A metà pomeriggio, risalendo dal fiume, si è giunti a Rocca delle Donne, sbucando proprio sul retro del vecchio monastero di Santa Maria. E qui è stata l’ora di una meritata sosta, con buon vino, bagnetto verde, torte salate e dolci; nel mentre una visita all’antica struttura, edificata mille anni fa e divenuta famosa per la piccola corte di nobildonne votate alla regola benedettina che l’hanno gestita per i secoli medievali, in dipendenza dalla lontana e potentissima abbazia francese di La Chaise-Dieu.
Mentre il sole si abbassava sull’orizzonte il gruppo di camminatori rientrava infine a Brusaschetto, ridiscendendo sulle sponde del grande Fiume, nel mezzo di boschi di enormi pioppi, e poi raggiungendo la cima della collina per chiudere la giornata. Una giornata intensa e per noi ricca di nuove amicizie e di soddisfazioni, una giornata che ci auguriamo abbia lasciato un piccolo segno e qualche storia nuova ai tanti che hanno partecipato.