Mostra di acquerelli sul Monferrato

acquerelliCon grande orgoglio vi segnaliamo la mostra dei numerosi acquerelli realizzati sul campo tra giugno 2015 e febbraio 2016 per il Carnet del Monferrato, domenica 15 maggio a Pecetto di Valenza nell’ambito del 3° Festival Orchideee Selvatiche, dalle ore 9 presso il Centro Culturale Giuseppe Borsalino.

Alle ore 15 anteprima del Carnet “Monferrato tra colline e risaie” con gli autori Lorenzo Dotti ed il nostro Carlo Rosso

Serata nucleare e proiezione documentario

Gruppo Acquisto Solidale di Verrua Savoia
Gruppo Acquisto Solidale di Chivasso
Associazione “Amici della Biblioteca di Verrua Savoia”
invitano la popolazione ad intervenire venerdì 13 maggio 2016 ore 21 presso il Salone polivalente di Verrua Savoia località San Giovanni alla serata informativa con la proiezione del documentario “la suta la nostra eredità nucleare in un triangolo d’acqua”
Regia: Daniele Gaglianone, Cristina Monti, Paolo Rapalino
Soggetto e montaggio: Cristina Monti
Colonna sonora originale: Fabio Viana
Fotografia: Paolo Rapalino
Motion graphics: Isabela Doriana Giurgiu
Produzione: Associazione Almaterra, in collaborazione con Babydoc Film e Zenit Arti Audiovisive
Con il sostegno di: Film Commission Torino Piemonte, Fondazione CRT, CGIL Vercelli-Valsesia
Archivi Storici: Archivio Nazionale Cinema d’Impresa – CsC, Ivrea; Archivi privati
Anno: 2014
Durata: 68′

La proiezione sarà seguita da tavola rotonda e domande del pubblico
Interverranno:
– Cristina Monti regista
– Michele Gili responsabile Sogin la società di Stato incaricata del decommissioning degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti di Saluggia
– Paolo Borrione medico specializzato in medicina nucleare
modererà Rodolfo Suppo Presidente della Associazione Amici della Biblioteca di Verrua Savoia

Là suta. La nostra eredità nucleare in un triangolo d’acqua.

per maggiori info, visitate la pagina dell’evento:

https://www.facebook.com/events/1553985098239717/

La passeggiata botanica è stata un successo

Sabato 7 maggio la passeggiata botanica organizzata dalla nostra Associazione in collaborazione con il Parco del Po ha riscontrato una partecipazione di pubblico oltre le aspettattive.

Foto 09-05-16, 21 15 49Il gruppo, sotto l’esperta guida di Luca Cristaldi, responsabile del settore agro-forestale del Parco, e di Paola Palazzolo, guardiaparco specializzata in botanica, è partito da Piazza Norzi a Rocca delle Donne e, percorrendo il sentiero “della chiesa”, è disceso verso le sponde del Po. In poche decine di metri di dislivello la vegetazione è cambiata significativamente, in base al tipo di terreno ma anche alle lavorazioni che l’uomo ha condotto nel passato e i cui segni oggi sono quasi scomparsi. Illuminante al proposito la considerazione fatta sulle tipologie di bosco, basate sull’età e sull’intervento dell’uomo: si è visto come un terreno abbandonato si riempia prima di erbe, poi di rovi e arbusti, quindi di alberi, e man mano che questi ultimi crescono ed espandono le proprie chiome, la vegetazione sottostante cambi, fino a raggiungere quella che è la nostra idea di bosco pulito, di cui abbiamo un esempio nel Bosco della Partecipanza di Trino. Qui gli alberi sono molto grandi e le chiome non lasciano filtrare luce.

WP_20160507_14_33_16_ProIl problema è che i nostri boschi e le nostre campagne sono fortemente colonizzati da specie esotiche che entrano in forte competizione con quelle autoctone, scalzandole e impoverendo la biodiversità (con conseguente aumento della fragilità degli ecosistemi).
Tutto ciò fa comprendere quanto sia importante il modo di gestire un bosco: i tagli indiscriminati e non rispettosi dei processi di sviluppo delle piante, favoriscono
la diffusione – a partire dal sottobosco – delle specie esotiche, come ad esempio la robinia, che ha colonizzato nell’ultimo secolo i versanti collinari a discapito del bosco originario.
Nel corso della passeggiata si sono potuti osservare svariati tipi di erbe e di piante: dall’ortica (ottima in cucina), alla felce aquilina, dall’equiseto (mineralizzante) all’erba mazzolina, dal caglio zolfino (usato una volta nella caseificazione) alla barba di becco a tromba, dai rovi che poi in estate ci danno le more, alla rosa canina, dal biancospino, alla farnia, dall’olmo, con le sue foglie tipicamente asimmetriche alla base, al ciliegio selvatico.

001Avvicinandosi al fiume, le aree boscate hanno lasciato il posto alla coltivazione dei pioppi: nel sottobosco il terreno è ricco di sostanza organica (rami, foglie, frutti caduti ecc.), mentre in corrispondenza delle zone coltivate il terreno ha una costituzione limoso-sabbiosa dovuta alla vicinanza del corso d’acqua.
La decomposizione della materia organica è un elemento fondamentale dell’ecosistema: lasciare sul posto gli alberi morti è una pratica importante, poiché essi costituiscono un essenziale riparo (nidi e tane) e una fonte di cibo per molti organismi, dagli insetti xilofagi agli uccelli che di essi si nutrono (come i picchi). La lezione è questa: meno l’uomo mette mano al terreno, meglio questo si autoregola.
Giunti infine in riva al Po, abbiamo attraversato un bosco di pioppi coltivati nel quale l’unica specie rigogliosa era l’artemisia, che è una pianta che si espande in profondità, e che quindi non viene debellata dal discaggio, a differenza di tutte le altre erbe. L’artemisia in questione è un altro esempio di pianta esotica invasiva.
Sulla riva, dove il terreno è fine e limoso, l’ambiente è favorevole ad altre specie, tra cui il salice bianco, pianta tipica delle sponde fluviali.
006
Seguendo il corso del fiume, si è giunti alla stazione di reimpianto che il Parco ha allestito su terreni precedentemente coltivati. Qui, nell’ambito del progetto di rinaturalizzazione, sono stati messi a dimora pioppi neri e pioppi bianchi. Queste specie naturali, a crescita rapida, nel giro di una decina d’anni copriranno con le loro chiome il terreno, difendendolo dalle specie esotiche invasive a tutto vantaggio della ricolonizzazione da parte delle specie autoctone. In questo modo, una volta effettuato il taglio del pioppeto, si sarà ottenuto un bosco spontaneo con le tipiche specie della zona: frassino, ciliegio selvatico, farnia, olmo ecc.
Da ultimo si sono raggiunte le aree umide in località Brusaschetto Basso: gli stagni, originati dall’attività di estrazione di ghiaie, sono ora nel pieno del processo di rinaturalizzazione curato dagli esperti del Parco. L’ambiente è stato colonizzato da una incredibile varietà di rettili, uccelli, anfibi. Il valore ambientale dell’area è notevole, e lo testimonia la rapidità con la quale la fauna si è insediata: ora rimane da tutelare questo patrimonio e farlo diventare occasione di fruizione da parte del crescente turismo naturalistico.
WP_20160507_16_21_50_ProLa giornata è terminata in allegria a bagnetto verde e un buon bicchiere di vino, presso l’ex monastero della Rocca.
Ci è doveroso ringraziare il Parco per la disponibilità e gentilezza dei suoi dipendenti, e i rocchesi Franco Doria e Franco Poletti che si sono adoperati per la pulizia del sentiero “della chiesa”.

Altre fotografie sulla nostra pagina Facebook a questo link

Mara Begnini, Pier Iviglia.

La presentazione del libro: L’emozione in ogni passo.

Nella serata di venerdì 6 maggio, a Camino, per iniziativa della biblioteca e del comune, la scrittrice Fioly Bocca ha presentato il suo libro “L’emozione in ogni passo”, edito da Giunti.
Era presente un pubblico numeroso e attento – una quarantina di persone – e il dialogo con l’autrice è stato spontaneo e animato.

Fioly Bocca vive sulle colline del Monferrato ed è madre di due figli. Laureata in Lettere, si è specializzata con un corso in redazione editoriale. Lavora a tempo pieno a Torino andando avanti e indietro ogni giorno in treno e proprio durante le ore di viaggio riesce a ricavare lo spazio per leggere e scrivere: le sue passioni più grandi.

Il suo romanzo d’esordio “Ovunque tu sarai”, edito sempre da Giunti, è stato un grande successo del passaparola. Ha conquistato in breve tempo un pubblico di affezionate lettrici e lettori che hanno accolto con altrettanto favore il suo secondo libro, pubblicato a un solo anno di distanza dal primo.

I libri di Fioly parlano di sentimenti veri: l’amore, che può essere “una benedizione ma anche una iattura”; il dolore, come la morte di una persona cara e il difficile percorso per accettarla; la speranza che permette di dare un senso al futuro.

“L’Emozione in ogni passo” è ambientato lungo il Cammino di Santiago, dove si intrecciano destini, nascono amicizie e la fine del percorso è l’inizio di un nuovo modo di affrontare la vita. Perché il viaggio lungo le strade dei pellegrini è anche un viaggio all’interno di sé stessi, faticoso ma liberatorio.

 

Francesca Balestreri

 

Il cammino di Camino

caminaDomenica 25 Aprile si è svolta a Camino la prima edizione della camminata “caminà e disnà”, camminare e pranzare; organizzata dal Comune di Camino, Consiglio Parrocchiale San Lorenzo e Pro-loco Caminsport.
Una giornata di sole ha accompagnato i 200 partecipanti che a gruppi, hanno raggiunto le tappe situate presso la grangia di Gaiano, il castello Scarampi, la chiesa di San Gottardo e la chiesa di san Lorenzo, per chiudersi alla Pro-loco.
Una riflessione: il turismo lento della camminata permette di fare conoscenze e osservare con tranquillità luoghi che raramente sono messi in valore; a questo va aggiunto il piacere di pranzare con prodotti locali facendo due chiacchiere e allargando orizzonti. Grazie a tutti, qui troverete le immagini della bella giornata.

Pier Iviglia

 

Il Giardino Condiviso : Il corso di giardinaggio organizzato da Il Picchio

Iniziato nel mese di settembre scorso il corso di giardinaggio porterà  presto  i suoi frutti e fiori grazie alla creazione di un giardino condiviso nell’area circostante alla casa dell’ex asilo di Camino, recentemente ristrutturata e sede della Biblioteca e della Proloco.

Il corso tenuto dai due Docenti Arianna Lanzone, architetto paesaggista, e Franco Clerico, agronomo e vivaista, si è svolto con l’intento di dare delle nozioni ai 24 partecipanti e progettare un giardino per la comunità caminese.

image3

Scultura di Regula Zwicky al vivaio Eta Beta

Il primo incontro è stato condotto da Arianna che ci ha illustrato il giardino nei suoi aspetti generali spiegando le linea guida alle quali fare riferimento per progettare un nuovo giardino oppure modificare o riorganizzarne uno esistente, partendo dall’analisi del sito sotto diversi aspetti: posizione del giardino, natura del suolo, condizioni climatiche, contesto architettonico, stile ed epoca di costruzione della casa; senza sottovalutare gli usi e costumi, le tipologie e materiali tipici, le funzioni che si vogliono attribuire al sito (un orto, un area di gioco, un angolo riposo piuttosto che conviviale con una zona pranzo sotto un bel pergolato, ecc.). Infine arrivare alla scelta dello stile del giardino: classico, naturale, moderno, eclettico secondo i propri gusti, con un occhio di riguardo al contesto esterno al giardino.

Il giardino è spesso oggetto di maggiore attenzione durante la primavera, motivo per cui Arianna ci ha accompagnato poco per volta con le sue spiegazioni a capire  come far diventare un giardino interessante tutto l’anno, presentandoci le principali categorie di piante ed il loro uso: arbusti e piccoli alberi, bulbose, rampicanti, erbacee, perenni, felci, graminacee e stagionali.

image1

Villa Bricherasio

Proprio in quest’ottica si è colta l’occasione dell’autunno per andare a visitare il Giardino Botanico di Villa Bricherasio a Saluzzo che raccoglie varietà e specie provenienti da tutto il mondo. Il proprietario Domenico Montevecchi, frutticoltore di formazione e giardiniere ci ha condotto ed illustrato in una passeggiata lungo i sentieri composti da bordure miste di erbacee perenni e graminacee, il suo parco da 12.000 metri quadrati suddiviso in tre parti: mediterranea, temperata fredda e continentale. Le Collezioni di rose botaniche, camelie, ortensie, ellebori, bambù, sambuchi, e felci, insieme a specie esotiche ed acquatiche con le sue oltre mille specie dell’alpineto, ci hanno reso fattivo il significato del concetto di biodiversità.

image2

Eta Beta

Un’altra visita organizzata interessante e didattica è stata quella al Vivaio Eta Beta di Conzano, durante la quale il titolare Gianni Ricci ci ha spiegato “Il giardino e l’Acqua” e come costruire un ecosistema in miniatura scegliendo le piante acquatiche più adatte nelle sue declinazioni più varie, utilizzando la semplice tinozza, un piccolo stagno, una fontana oppure una  biopiscina. Sullo sfondo la svizzera Regula Zwicky, in quei giorni esponeva le sue sculture inserite da Gianni Ricci ed Enza Romano tra piante acquatiche, palustri e graminacee.

Le lezioni di novembre e febbraio condotte da Franco Clerico ci hanno illuminato sui lavori autunnali e primaverili da realizzare: dalle tecniche di base per la manutenzione delle piante, a quelle di potatura e d’impianto; la messa a dimora e le tecniche da attuare per ottenere i tappeti erbosi .

Interessanti le alternative al prato suggerite da Arianna Lanzone che ci ha condotto a ragionare sulle delle pratiche alternative al prato maggiormente ecologiche ed esteticamente più suggestive: il prato fiorito (wildflowers), area di festuca tenuifolia, vinca minor (pervinca), sedum, in abbinamento con arredi di ciottoli e pietre fluviali.

prato fiorito

prato fiorito

festuca tenuifolia

festuca tenuifolia

Siccome il giardino va sempre inteso nel suo contesto più ampio e come la prosecuzione di quello che ci circonda, la riflessione ci ha naturalmente portati ad osservare il nostro territorio, dandoci la possibilità di capire che le piante autoctone potevano costituire un valido aiuto nella nostra scelta ambientandosi sicuramente bene e attirando e favorendo la diversa entomofauna per innescare meccanismi di controllo dei parassiti .

image6 image7 image8

Un cenno quindi all’ambiente che ci circonda era d’obbligo, ed è stato presentato da Luca Cristaldi, tecnico forestale del Parco del Po, che ci ha raccontato il bosco e la sua composizione e mostrato i fiori delle aree protette del Parco del Po Vercellese – Alessandrino: nelle zone umide abbiamo visto la Salterella, la Canapa acquatica, la Calta palustre, quest’ultima presente al Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino e nella Riserva di Ghiaia Grande. Negli ambienti  più aridi, tra tante altre, l’erba cipollina e l’orchidea piramidale.
Questi esempi sono stati ulteriori spunti ad immaginare ed ideare questo giardino con un altro spirito.

Calta Palustre, specie protetta in Piemonte

Calta Palustre, specie protetta in Piemonte

Salcerella, erba molto decorativa

Salcerella, erba molto decorativa

L’idea del giardino condiviso nasce innanzitutto come luogo di aggregazione sociale, un luogo dove andare ed ammirare lo scorrere delle stagioni, dove immergersi nei  profumi e i colori della stagione, con l’augurio che sia un invito ad accogliere nuovi percorsi di condivisioni nelle nostre frazioni. Un sentito grazie ai docenti e a tutti i partecipanti, che si sono impegnati ed hanno dato vita al giardino condiviso di Camino che verrà presentato in occasione dell’inaugurazione della nuova sede della biblioteca Serrafero e della pro-loco Caminsport il giorno 21 Maggio alle ore 16,00.

Catherine Bernard, Pier Iviglia.


riferimenti:

GIARDINO BOTANICO “VILLA BRICHERASIO”
Via Bodoni, 88 – tel. 0175.41061
Info e prenotazioni: 340-8054313 (Sig. Domenico Montevecchi)
Orario di apertura: aperto fino al 1° novembre 2016
da martedì a sabato 9,30 – 12 / 14,30 – 18; domenica ore 9,30 – 18.30 (continuato).
€ 5,00 adulti / Gratuito ragazzi di età inferiore ai 12 anni / Scolaresche € 3,00

VIVAIO ETABETA
di Enza Romano
Cascina Gualina, Via Occimiano 24
15030 Conzano Monferrato (AL)
Tel.: +39 0142 925730
Mobile: +39 349 75 23 198
E–mail: info@etabeta-ninfee.it

Inaugurazione nuova sede della biblioteca, pro-loco e giardino condiviso

Nell’ambito della manifestazione di Riso&Rose, il giorno 21 Maggio verrà inaugurata la nuova sede della biblioteca e della proloco e verrà presentato il giardino condiviso realizzato dagli allievi del corso di giardinaggio organizzato dall’associazione Il Picchio (per maggiori informazioni clicca QUI).

Inizio cerimonia ore 16,00.
Rinfresco offerto a tutti gli intervenuti.

Passeggiata ecologica 2016

Con il favore delle condizioni meteorologiche la raccolta di rifiuti dai bordi stradali di Camino ha fruttato anche quest’anno il solito deprimente bottino di immondizia. E come sempre, dai sottoboschi di Camino, è venuto fuori un po’ di tutto. Il pomeriggio di sabato 9 aprile ha visto i caminesi impegnati nella ormai consueta attività di pulizia del proprio territorio: due squadre si sono date appuntamento dopo pranzo e hanno lavorato fino al tardo pomeriggio, riempiendo i due cassoni scarrabili messi a disposizione da Cosmo Spa per la raccolta e la rimozione dei rifiuti. Al termine della giornata un’abbondante merenda offerta dalla Pro Loco di Camino ha rifocillato i partecipanti.

La sensazione, in base ai risultati di questa ennesima raccolta, è che la situazione degli sversamenti illegali di immondizia continua, ma anche che l’aumentato livello di sorveglianza delle zone maggiormente a rischio e la diffusione di attenzione al fenomeno hanno condotto a dei risultati: sono stati segnalati alle autorità elementi sorpresi sul fatto.

L’impegno andrà nella direzione dell’informazione alla popolazione: migliore conoscenza delle procedure di gestione dei rifiuti, sensibilizzazione verso l’ambiente e i suoi delicati equilibri, incentivo al controllo costante del territorio. Al fine di condividere il più possibile queste azioni è in atto l’avvio di una collaborazione con il comune di Trino: l’unione fa la forza!

Carlo Rosso.

 

Erbe Fiori Alberi dei nostri boschi. Passeggiata botanica

Una passeggiata botanica, aperta a tutti, in compagnia degli esperti del Parco del Po alla scoperta delle meraviglie dei nostri boschi, dalla collina fino al fiume.
Si scenderà dalla Rocca delle Donne per giungere in riva al Po e da qui, seguendone il corso, fino agli stagni di Brusaschetto Basso, oggetto di un progetto di rinaturalizzazione curato dal Parco.
Al termine dell’evento una merenda rifocillante per tutti.
Appuntamento Sabato 7 Maggio, ore 14.00 in piazza Norzi a Rocca delle Donne.

Per adesioni è gradita conferma al numero 345 00 34 982

Visita anche l’evento su Facebook

Linea Verde a Camino

Linea Verde dedica una puntata al Monferrato in cui si parlerà anche di Casale e di Camino.
Le riprese sono state effettuate nei giorni scorsi e la messa in onda sarà Domenica 15 maggio dalle 12.20 alle 13.30 su Rai Uno.