“Pennelli pellegrini”, bagnati ma contenti

Un clima decisamente molto “autunnale”, con nebbia e pioggia, non ha fermato la scatenata pattuglia di sketchers che nell’ultimo week end del festival IT.A.CA’ ha dato l’assalto a due luoghi di grande fascino del nostro Monferrato: la canonica di Santa Maria di Vezzolano e il Sacro Monte di Crea.
Armati di pennelli, acquerelli e taccuini, i partecipanti alla due giorni di disegno e pittura “en plein air” di Sketching in Monferrato si sono confrontati con soggetti suggestivi e complessi, supportati da maestri d’eccezione come Silvia e Roberto Cariani e Lorenzo Dotti.

Carnettisti tra le colonne del chiostro di Santa Maria di Vezzolano.

Il clima non ha spaventato nessuno, anzi, ha aumentato in qualche modo il livello della sfida, tanto che alcuni carnettisti si sono piazzati sotto l’ombrello a disegnare nel mezzo della pioggia. Tanta passione quindi per un tipo di attività originale, affascinante, ma che richiede anche grande dedizione e impegno. Alla fine i risultati si sono visti: decine di splendidi lavori, ognuno con il suo stile e la sua storia da portarsi a casa.

Un momento dell’incontro conclusivo con Patrizio Roversi.

E non sono mancati i momenti di convivialità, di condivisione e di piacevoli chiacchiere seduti a tavola a riscaldarsi e rifocillarsi.
La due giorni si è poi conclusa a Crea con un incontro, inserito nell’ambito della rubrica di IT.A.CA’ “Il Giardino delle Parole”, tra i carnettisti e il giornalista Patrizio Roversi, con il quale si è discusso di viaggi.
Un bilancio quindi di soddisfazione per Il Picchio, confortato dai commenti positivi dei partecipanti; si lavora intanto per l’edizione 2020, che sarà arricchita in maniera importante dalla collaborazione con la Fondazione Peano, organizzatrice del festival di carnet di viaggio “Cuneo Vualà”.